5 giugno – Francesco-C + Waste Pipes in concerto

Venerdì 5 giugno, alle ore 21.30, Asylum ospiterà il concerto di Francesco-C & Waste Pipes.

Francesco C è attivo nel panorama musicale italiano dal 1999. Da allora la sua carriera è costellata di successi e collaborazioni con artisti di fama nazionale e internazionale.  Nel 2001 la sua canzone “Stai contento” viene scelta per uno spot televisivo (trasmesso sui principali network privati nazionali). Un remix del brano è stato realizzato da Boosta dei Subsonica e una di “Contatti” prodotta e arrangiata da Roberto Vernetti. Nel novembre 2001, “Standard” (Mescal/Sony). Il disco vede la partecipazione di Rob Hallyday (chitarrista per Marilyn Manson, The Mission, Prodigy) e Steve Monti (batterista per The Jesus and Mary Chain). I Negirta che lo coinvolgeranno in seguito nella scrittura di “Destinati a perdersi” e “Il mio veleno”, brani contenuti nell’album “L’uomo sogna di Volare” (2005). Al suo terzo album, “Ulteriormente”, partecipano Madaski (Africa Unite) e Davide Tomat (giovane produttore che vanta collaborazioni significative e voce dei N.A.M.B.). Tra il 2006 ed il 2009 Francesco-C continua la sua attività live che lo porta ancora una volta ad esibirsi in tutta Italia. Nel corso del 2012 escono, solo per la rete, i singoli “Oltre al limite” e “Il Cielo oggi” entrambi per Sounday Music e prodotti da Federico Malandrino. Contemporaneamente riprendono i live set nei club e nei festival del Nord-Ovest. Attualmente Francesco-C ha ripreso ad esibirsi con la formazione punk rock che lo segue dal 2012 .Tra le ultime date,si è esibito all’Hiroshima mon amour di Torino,a Tavarock prima di Francesco Sarcina e all’Aosta Sound prima dei Rezophonic. Nel 2014 la band entra a far parte della squadra MEATBEAT RECORDS con cui ha pubblicato a Gennaio 2015 il singolo: “Io Non Sopporto Le Canzoni Tristi”.

Onesti e diretti, sudore e volume. Questo sono i Waste Pipes, amanti delle calde sonorità anni 70 e nati nel 2003 fra i banchi del liceo Charles Darwin di Rivoli.

Durante questi dodici anni di attività senza cambi di formazione, la band propone con entusiasmo e umiltà la propria musica, un hard rock old school con molte influenze: blues, indie, stoner, funky, arrivando ad aprire anche esibizioni di artisti rinomati come Elio e Le Storie Tese, Perturbazione, Meganoidi, Thunder Express (ex The Hellacopters), D-A-D (Disneyland After Dark), Pino Scotto, Adam Bomb, Francesco-C, Fabio Treves Blues Band e il sempreverde Bobby Solo!

All’attivo un singolo e tre cd: “ Begin to grow” (2004) , “ Let Blood Boil” (2006 – Soundtown), e “Make a Move” (2010). Quest’ultimo ha segnato il passaggio a un arrangiamento più curato e maturo, grazie ai più di dieci giorni passati al Dub The Demon Studio di Luserna San Giovanni (TO). In “Make A Move” hanno collaboratao: Madaski (Africa Unite), Valerio Giambelli (Statuto) e Mauro Tavella (Linea 77, Africa Unite, Persiana Jones).

Ma l’arma migliore dei WP è sicuramente l’intensa attività live in Italia e all’estero (più di 500 concerti all’attivo tra Europa e Italia) che ha visto il quintetto rivolese barcamenarsi fra palchi prestigiosi come Colonia Sonora, Miscela Rock Festival, Reset Festival, Taurus, Lapsus e Hiroshima Mon Amour a Torino, Rock In The Casbah a Sanremo, Sabotage Bar a Vicenza, Mattorosso a Treviso, Caffè degli Artisti di Cesanatico, Rock’N’Roll Arena a Romagnano Sesia, Zoe a Milano, The Waterhole ad Amsterdam, Anyway ad Essen e vari Rock’N’Roll Club in giro per l’Italia. Il 2013 è l’anno del decimo anniversario dei Waste Pipes, senza cambi di formazione, festeggiato con un nuovo video/singolo dal titolo inequivocabile “For All The Time We Waste”, che anticipa nuova musica prevista per il 2015. Formazione: Boe – batteria, Chris – voce, Guarro – chitarra, Kina – chitarra, Lava – basso

L’ingresso al concerto è gratuito e riservato ai soci Arci.

Per info:
numerozerotorino@gmail.com
011 4038479 – 333 7986801

Sabato 23 maggio – Polveriera Nobel in concerto

Ad Asylum, sabato 23 maggio, ore 22.00, Polveriera Nobel LIVE!

La Polveriera Nobel è una folk band nata in Valsusa nel 2004. Definiscono il loro genere “folk foravia”, luogo in cui la canzone d’autore si fonde con i ritmi e le narrazioni della tradizione popolare. Dopo vari cambi di organico, la band è attualmente formata da Ricky Avataneo (voce, chitarra e armonica), Daniele Barone (fisarmonica), Emanuele Rizzo (ghironda, flauti, cornamusa, banjo), Matteo Rizzo (basso, cajon), Roberto Musso (percussioni). Il loro ultimo cd, “Fafiokè” (2014) è stato realizzato in Val d’Aosta, con la collaborazione di alcuni musicisti della band L’Orage e dello scrittore torinese Alessandro Perissinotto. Attualmente la Polveriera sta lavorando a un nuovo album con la produzione di Gigi Giancursi (ex Perturbazione).

L’ingresso al concerto è gratuito e riservato ai soci Arci.

Venerdì 22 maggio – New Life for India

Per un venerdì sera alternativo…non perdete New Life For India!
Una bella serata all’aperto nel verde del Parco Dalla Chiesa di Collegno…:
alle ore 20.00 cena dal sapore indiano ed alle 22.30 concerto della rock band Aut In Vertigo!

Dopo il concerto…DJset con RONZO per continuare a ballare!
E durante tutta la serata non perdete le creazioni artigianali di ARTIZ!

Tutto il ricavato della serata verrà devoluto all’ospedale di Eluru in Andhra Pradesh dove New Life sostiene da anni alcuni progetti di assistenza sanitaria ai poveri dei villaggi limitrofi.

Cena + concerto € 20

Solo concerto: offerta libera
(viene richiesta la tessera Arci se si partecipa al solo concerto)

Sabato 16 maggio – La Bandita al aire libre

La Bandita al Revés nasce dall’esperimento musicale Latinoamérica Latinoeuropa che, attraverso l’incontro di musicisti provenienti da differenti luoghi musicali e geografici, reinterpreta la musica latinoamericana e dell’Europa meridionale.

Lo spettacolo è costruito attorno a brani imparati durante una lunga permanenza nel continente sudamericano e nei numerosi viaggi attraverso la penisola Iberica. Sono brani appresi da musicisti, artisti di strada, contadini, da Buenos Aires a Lisbona, da Valparaiso a La Paz, dalla Catalunya al Brasile.

La scaletta fa ballare e divertire, ma non è per nulla scontata: ogni pezzo ha una sua storia precisa e un sound che tocca parti diverse di chi ascolta.

La Bandita prova a creare connessioni tra l’anima, la musica e la festa delle parti latine di due continenti.

La Bandita è nata a Torino nel 2013, e oggi è formata da:

Irene Angeluccetti, voce,
Osman Arrobbio, cajon e cori,
Pierpaolo Berta, organetto diatonico e clarinetto,
Davide Giachino, voce e chitarra,
Gabriele Girardi, tromba,
Davide Gualterio, basso.

L’ingresso è gratuito e riservato ai soci Arci.

Per info:
numerozerotorino@gmail.com
011 4038479333 7986801

Venerdì 15 maggio – Cena Pugliese e Concerto FramMenti Salentine

2015 05 15 Frammenti salentine-01Il Parco della Certosa di Collegno (TO) si colora con la pizzica dei FramMenti Salentine.
Il circolo Asylum organizza un grande evento con i Sapori della Puglia e il concerto dei FramMenti Salentine.

FooD: ore 20:00 CENA PUGLIESE (Costo 15€)

SounD: FramMenti Salentine in Concerto.

Il ritmo del tamburello, gli accordi vibranti della chitarra, le melodie del violino, della fisarmonica e dell’ organetto.
L’energia, la passione e la tradizione.
Ronde, canti d’amore e di sdegno, canti di lavoro, pizzica.
Vi aspettiamo numerosi con la vostra energia e tanto buon vino!!

Per info e prenotazioni:
numerozerotorino@gmail.com
011 4038479

1 maggio – Pranzo sociale con Hugo Blanco

HB2Hugo Blanco, peruviano, 80 anni, figura storica e quasi mitologica di leader contadino e dirigente indigeno (a dispetto del suo essere bianco), sindacalista e dirigente operaio, ex guerrigliero, sfuggito due volte alla condanna a morte, incarcerato, torturato, esiliato per lungo tempo, oggi animatore del periodico “Lucha indígena”, punto di riferimento per le organizzazioni indigene e contadine di tutto il nord-est del Perù, sarà con noi, grazie all’instancabile lavoro di Aldo Zanchetta, profondo conoscitore dell’America Latina e dei suoi movimenti sociali,  nei prossimi giorni per due straordinari incontri tra il 30 Aprile ed il 1 Maggio.

Il 30 Aprile ci sarà una cena sociale presso il circolo Arci l’Anatra Zoppa di via Courmayeur, 5, alle ore 20, cui seguirà un incontro-dibattito. Nell’occasione sarà possibile acquistare un numero limitato di copie del suo ultimo libro “Nosotros, los indios” (Noialtri, gli indigeni. Hugo Blanco e le lotte per la terra in Perù). La cena a buffet sarà al prezzo politico di 10 € bevande escluse e parte consistente del ricavato sarà consegnato ad Hugo per aiutarlo a poter garantire l’uscita regolare del giornale.

Il Primo Maggio ci sarà un pranzo sociale al circolo Arci “Asylum” di Collegno, in viale Tom Benetollo all’interno del parco dell’ex ospedale psichiatrico, al costo di 17 € bevande incluse. Anche in questo caso parte del ricavato sarà devoluto ad Hugo. Nel pomeriggio, con i rappresentanti del Movimento No-Tav, farà una “passeggiata”, come la chiamano i valligiani, in Clarea per vedere di persona cantiere, recinzioni, militarizzazione dei luoghi.

Menù del pranzo ad Asylum:
Tagliere di affettati
Insalata finocchi mais e nocciole
Pasta alla Norma
Insalata di pollo con verdure
1/4 l di rosso
1/2 l di acqua
17,00 € a persona
Per prenotazione chiamare Roberto: 333/7986801

 

Dopo una cena alla “Credenza” di Bussoleno, vi sarà un incontro con la Valle e con tutti coloro che lo desiderano alla Sala Consigliare di Bussoleno, in via Traforo, 62.

E’ un’occasione unica per conoscere uno dei grandi protagonisti della storia delle lotte sociali e dei cambiamenti epocali del subcontinente latinoamericano. E’ anche l’occasione per riflettere sulla relazione tra appropriazione della terra da parte delle grandi corporazioni multinazionali, distruzione dell’ambiente spesso prodotta da grandi opere e mega progetti utili solo ad arricchire imprese depredatrici e classi dominanti corrotte, povertà estrema e biblici fenomeni migratori che investono quel continente così come il nostro ed il resto del mondo.

Una riga finale della descrizione di Hugo Blanco uscita dalla penna di un altro straordinario protagonista dei nostri giorni, recentemente scomparso, Eduardo Galeano: “In uno dei suoi (di Hugo Blanco) molti scioperi della fame, quando ormai non ce la faceva più, il Governo peruviano, commosso, gli mandò in regalo una bara”.

Sur/Società Umane Resistenti, Controsservatorio Val  Susa, CarovaneMigranti, Arci Torino, Anatra Zoppa e Asylum

 

Giovedì 30 aprile – Cena pugliese e concerto dell’ Allegro Complessino

presentazione ficaGiovedì 30 aprile, dalle ore 20.00, presso Asylum, cena a base di piatti tradizionali pugliesi e concerto dell’ Allegro Complessino per la serata inaugurale della stagione dei balli.

Un viaggio in una dimensione fuori dal tempo, guidati dal magico calore del Sud e dall’energia delle sue danze: una musica legata alle sonorità del Mediterraneo e alla semplicità della terra, con pizziche salentine, tammurriate campane e tarantelle del Gargano, ma anche canzoni di lotta e amore della tradizione italiana, rivisitate in maniera personale come valzer irregolari, scottish, mazurke e circoli circassiani, nonché arricchiti da improvvisazioni e suggestioni provenienti da differenti percorsi musicali. Il risultato è un mélange unico, sia da ascoltare sia da ballare.

Cena pugliese a 15€

Per il concerto l’ingresso è riservato ai soci Arci.

Per info:
numerozerotorino@gmail.com
011 4038479

Domenica 26 aprile – presentazione del libro “Ali di ruggine”

Domenica 26 aprile, alle ore 21.00, presso Asylum, presentazione del libro “Ali di ruggine”, di Ferdinando De Blasio. Saranno presenti l’autore e l’attore Davide Simonetti (Doppeltraum Teatro; Atelier del Teatro Fisico).

deblasiofigurainteraFerdinando de Blasio di Palizzi (Torino, 1988), è autore di racconti e sceneggiature. Nel 2013 il suo racconto La Vedova è incluso nell’antologia Il ritorno dei corti viventi, ed. XII. Nel 2014 porta a termine la raccolta “Dialoghi del Terzo Tipo”, autoprodotta. Il suo terzo lavoro, Il Giorno del Giudizio, è in via di pubblicazione. Dal 2014 collabora con Mondoscrittura come editor e recensore, gestisce un blog letterario, Il Drago di Carta (www.ildragodicarta.com) su cui scrive assiduamente.

A Torino tiene Laboratori di Scrittura Creativa per adulti e ragazzi; è inoltre autore e conduttore – insieme a Davide Simonetti e Daniele Vico – di Radio Citofono, la Radio del famigerato Concertino dal Balconcino di via Mercanti 3.
Ali di Ruggine – una Favola della Resistenza (Nulla Die, 2012) è la sua prima opera edita.

Quando sul giovane Filippo, detto Senzamotivo, si abbatte senza riguardo tutta la violenza del suo tempo, gli restano solo due alternative: fuggire o resistere. Resistere. Come un albero che, colpito da un fulmine, non si spezza, lottando al fianco dei propri amici, difendendo le proprie montagne. Resistere, nella lieve consapevolezza che la guerra fa schifo, nella voglia di combattere per qualcosa di bello. Oscillando tra la realtà di un freddo inverno del ’43 e l’irrazionalità del mondo dei sogni, fra la rabbia e l’allegria, tra il sentimento e l’ironia. Resistere. Giocando a fare il “parmigiano”, quello con la “M”, perché quello con la “T” non è un gioco, ma un affare pericoloso: ci si rischiano le penne. Come accade quando le brutte notizie arrivano sul serio, il ritmo cambia, la storia cambia, il finale, irrimediabilmente, cambia. E le cose di sempre, tanto amate, cominciano a colorarsi di malinconia, diventano ricordi, come fiori non ancora appassiti in mezzo a collezioni di oggetti arrugginiti. Sentimento e ironia: sono questi gli elementi che raccontano di un ragazzo che voleva fare il “parmigiano”, di resistenze personali, di amori radicali.

Per info:
numerozerotorino@gmail.com
011 4038479

Venerdì 10 aprile – Bestiagrama live

Venerdì 10 aprile alle 22.30

I BESTIAGRAMA con i loro suoni, il loro groove e la loro energia live percorrono un cammino lungo 50 anni, da Robert Johnson ai Pearl Jam, passando per Elvis, Cream, Free, Led Zeppelin, Neil Young, Deep Purple, Hendrix, Pink Floyd, Doors, Dire Straits, ZZ top e molte altre storiche band che hanno scolpito il loro nome in maniera indelebile nella storia del ROCK, plasmando il repertorio proposto con una propria identità.

Uno spettacolo unico, ricercato e mai pedestremente copiato; con la chiara intenzione di rivivere e far rivivere al pubblico un tuffo nel passato reinterpretato nel presente.

sitonew1